Stili di Vita e Prevenzione

Una corretta alimentazione, insieme all’attività fisica e alla gestione dello stress, è fondamentale per la nostra salute, soprattutto in termini di prevenzione.

Per chiarire il significato che attualmente viene attribuito al termine “benessere” è necessario fare riferimento ai concetti di “stile di vita” e di “prevenzione”. Il nostro grado di benessere, infatti, è strettamente correlato a vari fattori, molto legati tra loro, che costituiscono il nostro “stile di vita”: la qualità e quantità dei cibi e delle bevande che assumiamo, la gestione dello stress quotidiano, il grado di attività fisica al quale ci sottoponiamo, il tipo di lavoro che svolgiamo, come trascorriamo il nostro tempo libero. Il concetto di “prevenzione” delle malattie assume, d’altra parte, sempre maggiore rilevanza rispetto all’idea di “cura”. Infatti, per alcune malattie molto diffuse nella nostra società conosciamo molto bene quali sono i fattori che possono aiutarci a non contrarle, mentre non possediamo cure altrettanto efficaci, ovvero rimedi in grado di debellare la malattia una volta contratta. Per altre malattie, invece, conosciamo cure efficaci, ma che presentano controindicazioni o effetti collaterali rischiosi e da evitare. Si afferma quindi in modo sempre più indiscutibile nella medicina e nella scienza dell’alimentazione e del benessere un modello di riferimento che tende a individuare e dunque a suggerire le corrette regole da rispettare e i giusti comportamenti da mettere in pratica che possano consentirci di mantenere il nostro organismo in salute.

Una visione completa e integrata del soggetto

Il primo fattore che abbiamo elencato riguarda l’alimentazione, argomento che costituirà l’oggetto specifico di questo volume. In base alle conoscenze attualmente disponibili, la relazione tra cibo e salute non può più essere analizzata solo da un punto di vista calorico, nutrizionale, digestivo: non si possono più trascurare altri delicati elementi correlati alla nutrizione, quali gli aspetti infiammatori, biochimici, immunologici e bioenergetici. Essi rivestono un’importanza fondamentale per il raggiungimento o il mantenimento di uno stato di salute. Oggi, la scienza dell’alimentazione fa riferimento a una visione completa e integrata del soggetto: non si concentra soltanto, come si faceva fino a pochi anni fa, sulla stesura (e sulla relativa imposizione al soggetto) di una dieta ideale, ma considera e analizza la persona nella sua totalità organica e psiconeuroendocrinoimmunologica.

Possiamo dire che, in generale, per restare in salute, l’ideale sarebbe mangiare un po’ di tutto in modo molto moderato, variando il più possibile la qualità dei cibi. L’attuale stile di vita della gran parte delle persone (il lavoro sedentario, l’uso dell’automobile per gli spostamenti, l’intrattenimento casalingo rappresentato dalla televisione) non richiede considerevoli spese energetiche e, quindi, è necessario e utile entrare nell’ordine di idee che la quantità di cibo assunta deve essere comunque parca. Allontaniamoci quindi, salvo in caso di costituzioni particolari, dall’idea di poterci permettere primo, secondo, pane, contorno, frutta e dolce: non è più possibile immaginare di mangiare così! Questo modello di pasto non è più adeguato al nostro modo di vivere. Se solo tenessimo conto di questo il sovrappeso non sarebbe di certo in così grande ascesa. Nella nostra società, invece, sovrappeso e obesità sono problemi sempre più comuni, tra i bambini come tra gli adulti. A volte ci si rivolge al medico specialista sperando di ottenere una soluzione immediata ai propri problemi di sovrappeso: non esiste nulla di magico, la soluzione è molto più vicina di quanto si creda: basta utilizzare un po’ di buon senso e essere disponibili a fare qualche piccolo sacrificio. L’intervento e il consiglio del medico specialista in scienza dell’alimentazione può essere utile, naturalmente, per chiarire le idee e per sfatare i luoghi comuni, e per essere certi di avere delle solide basi sulle quali impostare nuovi comportamenti e nuove abitudini.

Il volume che state leggendo cercherà di fornirvi le informazioni necessarie per comprendere i principi su cui si fonda la scienza dell’alimentazione attuale, in modo da poter avere gli strumenti per nutrirvi in modo più corretto.

Potrete comunque rivolgervi a un dietologo per farvi consigliare e guidare, sarete in ogni caso più consapevoli di come una corretta alimentazione possa contribuire al vostro benessere.